Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rilevamento precoce del danno miocardico silente nei pazienti naive-al-farmaco con lupus eritematoso sistemico di nuova insorgenza


La risonanza magnetica cardiaca ( MRI ) ha consentito la valutazione delle caratteristiche del miocardio, dalle caratteristiche del tessuto ai cambiamenti funzionali, nei pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ).
L'ecocardiografia, tuttavia, ha rilevato lo scompenso cardiaco.

È stato intrapreso uno studio per indagare l'uso della risonanza magnetica cardiaca per esplorare i primi segni premonitori di coinvolgimento cardiaco silente e determinare i tempi di trattamento nel lupus eritematoso sistemico.

La valutazione clinica e gli studi di risonanza magnetica cardiaca sono stati eseguiti in 50 pazienti naive-al-farmaco ( mai trattati ) con lupus eritematoso sistemico di nuova insorgenza, 60 pazienti con lupus eritematoso sistemico di vecchia data e 50 soggetti sani in uno studio prospettico di 3 Centri.

L'analisi degli enzimi cardiaci, la presenza e le dimensioni della fibrosi miocardica regionale come indicato dalla captazione tardiva del Gadolinio, i cambiamenti del ceppo e la frazione di eiezione biventricolare non hanno indicato alterazioni cardiache nei pazienti con lupus di nuova insorgenza.

Il valore T1 miocardico nativo e il volume extracellulare ( ECV ), che sono indici di matrice extracellulare, erano elevati nei pazienti con lupus eritematoso sistemico di nuova insorgenza ( media 1.369 msec vs 1.092 msec nel gruppo di controllo per T1 nativo; 32% vs 24% nel gruppo di controllo per ECV; P minore di 0.001 per entrambi ).
L' aumento era indipendente dall'attività della malattia da lupus.

In conclusione, questo è il primo studio a indicare che i pazienti naive-ai-farmaci con lupus eritematoso sistemico di nuova insorgenza, anche con malattia inattiva, hanno probabilmente un deficit cardiaco silente.
I cambiamenti strutturali e funzionali nel miocardio sono legati allo stadio della malattia da lupus; questa scoperta indica il valore della diagnosi precoce del coinvolgimento miocardico.
I valori di T1 ed ECV del miocardio nativo, piuttosto che gli indici reumatici e cardiaci clinici attualmente utilizzati, potrebbero servire come marker precoci di rilevamento della lesione del miocardio prima della presenza di fibrosi visiva e scompenso funzionale. ( Xagena2018 )

Guo Q et al, Arthritis & Rheumatology 2018; 70: 2014-2024

Reuma2018 Cardio2018



Indietro